Da oltre un secolo gli artigiani della valle Strona, nella Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, producono i loro caratteristici Pinocchi in legno, di ogni dimensione.

Il tutto grazie all’energia idrica scaturita dalla forza naturale del locale torrente Strona, in pratica il motore che ha cambiato la storia di Omegna e che fin dall’Ottocento ha alimentato i mulini del legno necessari agli artigiani locali per produrre proprio quei Pinocchio, il personaggio della fiaba di Collodi.

Pinocchi di legno con il copricapo e la giacchetta rossa e i gambaletti verdi che tutti noi abbiamo visto e comprato sui banchetti in ogni angolo turistico del nostro stivale. L’attività in passato ha dato lavoro a centinaia di persone. 
Oggi la tradizione è portata avanti da pochi produttori colpiti anche dalla onnipresente concorrenza cinese.

E entrare in quei laboratori del legno, con la segatura a terra e l’odore di colla che pervade la stanza è qualcosa in grado di riempirvi il cuore. A Forno l’albergo del Leone è l’unico rimasto in Valle Strona.

Dal 1854 è gestito dalla stessa famiglia e nel 1914 per la prima volta fu una donna a dirigerlo: Caterina Peretti. 
Oggi a condurlo ci sono le sorelle Caterina e Anna Spadaccini che da 25 anni propongono piatti tipici.

La Chiesa di San Giovanni Battista a Campello Monti ha ospitato il famoso quadro di San Francso che riceve le stigmate realizzato da Francesco Barbieri da Cento, il guercino, nel 1633. Ora purtroppo è presente solo una riproduzione.







Scrivi un commento




Registrati Gratis alla community di TravelsMania. Potrai raccontare un viaggio, scrivere articoli, commentare, inviare domande e ricevere risposte. Ogni azione viene premiata con dei punti. Partecipa, accumula punti e ottieni sconti per i tuoi viaggi!

Se sei già registrato effettua il Login , altrimenti Registrati Gratis!