Tra le tante conseguenze negative portate dalla crisi economica globale ce n’è anche una positiva: lo splendido arcipelago Turks and Caicos ( è un territorio d’ oltremare del Regno Unito ) si è trasformato da paradiso per soli ricchi a meta accessibile a tutti.

Su queste quaranta isole ancorate di fronte a Miami, infatti, è sbarcato il low cost.

Così le splendide ville e le dimore di lusso che le caratterizzano, da oggi si affittano anche a stanze e con prezzi low cost.

Per quanti vogliano godere del mare turchese, delle spiagge di sabbia ornate di palme e delle lagune tipici dei Caraibi anche in pieno inverno, quindi, Turks and Caicos è l’ arcipelago giusto.

E’ preferibile non andarci nei mesi più afosi su queste isole, che vanno da agosto a novembre, periodo in cui la temperatura media diurna va dai 32° ai 38°. Il periodo turistico maggiormente consigliato è quello che va da metà aprile a luglio.

Infine, per quanto riguarda il problema dei documenti per i turisti, i viaggiatori italiani ( ma anche della maggior parte dei paesi ) non hanno bisogno di un visto d’ ingresso per un periodo inferiore ai 30 giorni.







Scrivi un commento




Registrati Gratis alla community di TravelsMania. Potrai raccontare un viaggio, scrivere articoli, commentare, inviare domande e ricevere risposte. Ogni azione viene premiata con dei punti. Partecipa, accumula punti e ottieni sconti per i tuoi viaggi!

Se sei già registrato effettua il Login , altrimenti Registrati Gratis!