BoliviaI due volti della Bolivia: da 6000 a 200 metri, il variegato mondo di un Paese di contrasti.

Il Paese che prende il nome dell’eroe sudamericano Simon Bolivar è forse il meno turistico dell’area. Situato a nord del Perù, è terra di forti contrasti, culturalmente ( sospesa com’è tra influenze coloniali europeee e orgoglio e tradizioni indigene) e climaticamente.

Estesa il doppio della Francia, è divisa in due grandi regioni climatiche: a ovest c’è quella andina, con un altopiano di 3-4000 metri (dove si trova la capitale La Paz), circondato da montagne che raggiungono i 6000 m slm.

Nell’altopiano i mesi più piovosi vanno da dicembre a febbraio, mentre la temperatura subisce poche variazioni durante l’anno, con massime dai 17 ai 19 °C e minime da 1 a 6 °C e notti molto fredde.

La zona montagnosa della Bolivia è quasi desertica, con precipitazioni scarsissime. A est si scende bruscamente fino a 200-600 m slm fino a un’area pianeggiante, che occupa metà del Paese, con clima tropicale, simile a quello del bacino amazzonico: intollerabile nel periodo di ottobre a marzo, causa precipitazioni continue e umidità.







Scrivi un commento




Registrati Gratis alla community di TravelsMania. Potrai raccontare un viaggio, scrivere articoli, commentare, inviare domande e ricevere risposte. Ogni azione viene premiata con dei punti. Partecipa, accumula punti e ottieni sconti per i tuoi viaggi!

Se sei già registrato effettua il Login , altrimenti Registrati Gratis!