30

ott

“Jamme, quanne me vieni a truva’ ?“. Cominciò così la mia avventura napoletana, con una battuta in dialetto di Enrico che da secoli mi invitava da lui.

La distanza da Torino c’è, innegabile, ma fra le tante offerte low cost da Napoli, e per Napoli, riuscii a garantirmi un’andata e ritorno a poco prezzo. Enrico mi venne a prendere a Capodichino, per la mia prima vacanza partenopea.

Enrico è stato il mio coinquilino ai tempi dell’Università, quando studiavamo entrambi a Milano. Col tempo si instaurò fra noi una fraterna amicizia e quando ci separammo, una volta laureati, non mancammo di rimanere in contatto quasi giornaliero. Non lo vedevo da tanto, né avevo mai visto Napoli. Alla prima buona occasione, visitai lui e la città.

Giunti in città con un autobus fino alla Stazione centrale, ci dirigemmo a piedi verso casa sua, o meglio, dei genitori, che non distava molto da piazza Garibaldi.

Il Rettifilo, ufficialmente Corso Umberto I, è stato il mio primo approccio con la città: tanta gente, strada trafficata, negozi a perdita d’occhio. Subito due particolari tipici cittadini mi hanno deliziato, due aspetti che non mi abbandoneranno per tutta la vacanza.

Il dialetto, innanzitutto, che ai napoletani sta molto a cuore, parlato volentieri da tutti, in vece dell’italiano o comunque con accenti e intercalari marcati, un dialetto bello da sentire, molto musicale e gradevole, dalle forme e dalle espressioni talvolta esilaranti. E la cucina, leccornie in vendita ad ogni angolo, presso bar, localini e ristoranti gustosi da leccare anche la carta che li avvolge. Ma andiamo con ordine.

Enrico non sta nella pelle nel mostrarmi la città e la prima passeggiata senza valigia la facciamo con alcuni suoi amici sul lungomare, via Caracciolo. Al turista che intenda visitare la città, non si può presentare cartolina migliore. Da un lato Marechiaro, dall’altro il Vesuvio e fra iquesti Castel dell’Ovo.

In giornate nitide, come fortunatamente era quella, persino la Costiera amalfitana in lontananza. Da sola, via Caracciolo – attenti all’accento: Caràcciolo – varrebbe un intero album fotografico.

Fatta ora di cena, il mio primo incontro con la cucina napoletana. Stavo rischiando un indigestione, tanto era buono tutto. Antipasti di fritture, crocché, panzarotti, melanzane arrostite e soprattutto la regina della tavola, la pizza, una vera pizza napoletana. Ne ho mangiate due. È verissimo: la pizza a Napoli è tutta un’altra storia !

Il giorno dopo Enrico mi ha portato al Parco Virgiliano, per un’altra cartolina napoletana da portare nel cuore per sempre. Innanzitutto una lezione di geografia partenopea: Parco Virgiliano, altresì noto fra i napoletani come Parco d’a Rimembranza, non è il Parco Vergiliano di Piedigrotta dove è sepolto il poeta latino Virgilio.

È uno dei punti panoramici più belli – se non il più bello – di Napoli: essendo sito abbastanza in alto, si abbraccia in un colpo d’occhio l’intera città, tutto il Golfo di Napoli fino alla Penisola sorrentina, le isole di Capri, Ischia e Procida e, da quest’altra parte, il Golfo di Pozzuoli. Difficilmente ricordo di aver visto spettacoli più belli di questo !

A pranzo, da Nennella, un folcloristico locale nei popolari Quartieri Spagnoli, dove il proprietario ha provveduto a rifornirci di cucina casareccia di altissimo livello, senza menu, scelta da lui, e di soprannomi e scherzi che ha fatto indistintamente a tutti. Prezzo ridicolo, mangiatona epica e simpatia dell’ambiente !

Dopo, passeggiata nel centro storico di Napoli, Maschio Angioino, Castel dell’Ovo e piazza Plebiscito. Un tour de force che ci voleva: purtroppo il giorno dopo ero già di partenza e purtroppo due giorni sono decisamente pochini per vedere, ma soprattutto per vivere, una città così particolare come Napoli, fra le più belle d’Italia.







Scrivi un commento




Registrati Gratis alla community di TravelsMania. Potrai raccontare un viaggio, scrivere articoli, commentare, inviare domande e ricevere risposte. Ogni azione viene premiata con dei punti. Partecipa, accumula punti e ottieni sconti per i tuoi viaggi!

Se sei già registrato effettua il Login , altrimenti Registrati Gratis!